L’evasione fiscale è agevolata dal caos nelle nomine dirigenziali. Intervista a Boiano

Il caos legato alle nomine dirigenziali all’interno delle agenzie fiscali costituisce, di fatto, un ostacolo alla lotta alla evasione ed alla elusione fiscale. Ne è fermamente convinto il segretario generale aggiunto della Dirstat, Pietro Paolo Boiano.

Come mai nelle agenzie fiscali non si riesce a risolvere il problema dei dirigenti nominati senza concorso?

Quando si è insediato il cosiddetto governo del cambiamento la Dirstat, attraverso il sottoscritto, ha rappresentato con note scritte alla Presidenza del Consiglio ed ai Ministri dell’Economia e Finanze e della Pubblica Amministrazione quale era la situazione di caos venutasi a creare all’interno delle agenzie fiscali a seguito delle nomine discrezionali. A dispetto delle rassicurazioni, non è successo praticamente nulla, nel senso che sono cambiati i vertici delle agenzie ma non è mutato affatto il modus operandi”.

È deluso?

Sono amareggiato, ma non mi arrendo, perché la Dirstat continuerà la sua battaglia nell’intento di ripristinare la legalità e la trasparenza nell’amministrazione finanziaria. Ricordo che, quando erano all’opposizione, i rappresentanti del Movimento 5 Stelle tuonavano quotidianamente contro le scelte scellerate degli avversari politici, tant’è che sono state presentate una serie di interrogazioni parlamentari al riguardo. A sette mesi dall’insediamento dell’esecutivo giallo – verde nulla è cambiato. Del resto la precarietà nella pubblica amministrazione fa gola a tutti”.

PER LEGGERE L’INTERO ARTICOLO SCARICA IL PDF ( questo articolo alla pagina 4 e 5 )

numero zero di La voce dei cittadini

Unisciti al coro!
  • 34
  •  
  •  
  •  
  •  

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: