Agenti di commercio: la maggioranza promuove il regime forfettario imposto dal governo Conte

“Abbiamo accolto con favore il regime forfettario, perché la stragrande maggioranza dei nostri associati e della categoria degli agenti di commercio ne ha tratto beneficio sia a livello economico che burocratico”. A parlare è Vito Beneventi, Consigliere Nazionale dell’U.S.A.R.C.I. (Unione Sindacati Agenti e Rappresentanti di Commercio Italiani), ossia della struttura che rappresenta a livello sindacale gli agenti di commercio, “firmataria” degli Accordi Economici Collettivi con le organizzazioni delle aziende appartenenti a Confindustria, Confapi, Confartigianato, Confcommercio.

Come Usarci come valutate la politica economica del governo?

“La valutazione politica è prettamente inerente le nostre problematiche lavorative. Abbiamo accolto con favore il regime forfettario, perché la stragrande maggioranza dei nostri associati e della categoria degli agenti di commercio ne ha tratto beneficio sia a livello economico che burocratico. Siamo sempre attenti a tutto ciò che può favorire la nostra categoria e questo lo abbiamo considerato un primo passo nella direzione giusta”.

Quali sono le richieste più pressanti della vostra categoria?

“A livello nazionale da molto tempo abbiamo presentato ai governi in carica varie proposte per agevolare il nostro lavoro. Una su tutte è quella dell’attribuzione della seconda patente, ovvero della patente professionale di cui beneficiano altre categorie. Una concessione del genere ci agevolerebbe tanto, perché noi usiamo tutti i giorni l’automobile e siamo più soggetti ad incappare in infrazioni stradali. Capite bene che senza patente non potremmo essere in grado svolgere la nostra attività. Questa è solo una delle tante proposte di cui ci siamo fatti promotori, ma è quella che si trova in cima alla lista dei desideri di tutti coloro che svolgono la nostra attività”.

Continua a leggere. Scarica il focus in pdf Focus 4.0

Unisciti al coro!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: