Il presidente della Camera Fico a colloquio con i vertici di Unicef Italia  

di Maria Carotenuto

L’implementazione del sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita fino ai 6 anni e la creazione di un Intergruppo parlamentare per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza col ruolo di stimolo legislativo sui temi che hanno ricadute sulla condizione dei minorenni.

Sono stati questi i temi principali affrontati nei giorni scorsi dal presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, nell’incontro che ha avuto a Montecitorio con il presidente di Unicef Italia, Francesco Samengo, accompagnato dal direttore generale Paolo Rozera.

Attraverso una nota inviata alle redazioni l’Unicef ha illustrato alcune proposte presentate nel corso dell’incontro.

“Auspichiamo che ogni decisione che il Parlamento prenderà – ha sottolineato il presidente – sia orientata a garantire il superiore interesse di ciascun minorenne, in particolare nell’anno in cui si celebra il trentennale dell’approvazione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, divenuta il trattato sui diritti umani più ratificato della storia”.

“La Convenzione – ha proseguito – è stata determinante nel migliorare la vita di bambini, bambine e adolescenti. Ha ispirato i Governi a adottare nuove leggi e stanziare nuovi fondi per aumentare l’accesso dei bambini ai servizi e godere dei propri diritti. Ha contribuito a cambiare la percezione sull’infanzia e l’adolescenza, garantendo a bambini e ragazzi un nuovo protagonismo”.

Nel corso dell’incontro, Unicef Italia ha anche ricordato le Osservazioni conclusive del Comitato Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza rivolte all’Italia in tema di diritti dei bambini e degli adolescenti.

Scarica Edizione del 10 aprile

Unisciti al coro!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: