Bando di 70 milioni di euro per i giovani agricoltori

I giovani agricoltori hanno a disposizione 70 milioni di euro per acquistare terre agricole. È stato pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale l’avviso di bando 2019 per il Primo insediamento in agricoltura, lo strumento Ismea che ha l’obiettivo di facilitare l’accesso alla terra da parte dei giovani che intendono diventare imprenditori agricoli.

Il premio di “Primo insediamento” è uno strumento importante che ogni anno viene destinato a giovani di età compresa tra i 18 e i 41 anni non compiuti, che si insediano in agricoltura per la prima volta, che, attraverso il “premio” potranno beneficiare di mutui a tasso agevolato per acquistare un’azienda agricola. Le agevolazioni sono legate alla presentazione di un Piano di sviluppo aziendale che dimostri la sostenibilità economica, finanziaria e ambientale dell’intervento in relazione allo sviluppo dell’attività agricola. “Il bando 2019 – spiega una nota di Ismea –, prevede una dotazione finanziaria di 70 milioni di euro suddivisi in 2 lotti, 35 milioni di euro per le iniziative localizzate nelle Regioni del Centro-Nord e 35 milioni di euro per le iniziative nel Sud e nelle Isole”. Le domande di finanziamento possono essere presentate sul portale dedicato dell’Ismea fino alle 12 del 27 maggio 2019.

L’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) è un ente pubblico economico istituito con l’accorpamento dell’Istituto per Studi, Ricerche e Informazioni sul Mercato Agricolo e della Cassa per la Formazione della Proprietà Contadina, con decreto legislativo 29 ottobre 1999 n. 419, concernente il “riordinamento del sistema degli enti pubblici nazionali” e per ultimo con l’accorpamento dell’Istituto sviluppo agroalimentare Spa e la Società gestione fondi per l’agroalimentare s.r.l. con Legge 28 dicembre 2015, n. 208. Nell’ambito delle sue funzioni istituzionali realizza servizi informativi, assicurativi e finanziari e costituisce forme di garanzia creditizia e finanziaria per le imprese agricole e le loro forme associate, al fine di favorire l’informazione e la trasparenza dei mercati, agevolare il rapporto con il sistema bancario e assicurativo, favorire la competitività aziendale e ridurre i rischi inerenti alle attività produttive e di mercato. Infine l’Ismea affianca le Regioni nelle attività di riordino fondiario, attraverso la formazione e l’ampliamento della proprietà agricola, e favorisce il ricambio generazionale in agricoltura in base ad uno specifico regime di aiuto approvato dalla Commissione europea.

Scarica Edizione del 17 aprile 2019

Unisciti al coro!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: